70 ASSOCIAZIONI CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE CON I CAPIGRUPPO E INVIANO UNA LETTERA AI SENATORI CON 7 PUNTI CONTROVERSI DEL DDL ZAN

“La ricchezza e la chiarezza dei contributi ascoltati alla conferenza odierna è proporzionale alla preoccupazione per quel che potrebbe a breve accadere al Paese – affermano circa 70 associazioni no profit alla conclusione del seminario “Contro le discriminazioni? SI! Ma non così!”, svoltosi a Palazzo Madama. “Sta succedendo un fatto eclatante – proseguono le associazioni – Autorevolissimi esponenti di culture diverse, riformista, femminista, liberale, cattolica, arrivano però ai medesimi giudizi di illiberalità di molti passaggi attualmente contenuti nel testo del ddl Zan”.

“Ascoltando Ricolfi, Terragni, Gambino, Vari e l’esperienza statunitense di Anderson– osservano- non vi sono dubbi che la lotto all’omofobia è una cosa, ma tutt’altra è lasciare disposizioni che ufficializzano per via legislativa la teoria dell’indifferenza sessuale, che la impongono con norme penali gravemente indeterminate, con l’effetto di violare la libertà di pensiero e di aprire una triste stagione di delazioni e di controllo del pensiero da parte delle Procure. Altra questione inaccettabile è la coartazione del ruolo dei genitori e delle scuole paritarie, di fronte all’obbligo che si vorrebbe imporre di propagandare il gender negli isituti scolastici di ogni ordine e grado”.

Terragni e Gambino hanno, peraltro, decodificato ciò che sorregge il ddl Zan: “non la lotta all’omofobia, ma l’imposizione di una cultura, centrata su un individuo neutro, capace di arbitrio assoluto fino a decidere il proprio sesso”. “Ma nessuna cultura -chiosano- può essere imposta per legge”. Ricolfi è arrivato a porsi “una domanda di fondo: ha senso cercare di combattere la violenza e la discriminazione identificando delle categorie protette? Ciò produce delle nuove discriminazioni. A forza di moltiplicare le minoranze protette si creano nuove discriminazioni, perché la lista delle minoranze è arbitraria e potenzialmente illimitata. Noi così facendo proteggiamo la categoria e non la persona. E diamo vita a una competizione vittimaria … “Per questo Ricolfi e Terragni auspicano, almeno, il ritorno allo schema del ddl Scalfarotto, ripresentato anche in questa legislatura e sottoscritto anche dall’on. Zan. “E non si capisce – aggiunge Terragni- come sia possibile che chi valorizza la originaria proposta Scalfarotto si senta dare dell’omofobo!”.

“Dopo la drammatica testimonianza di Anderson dell’esperienza di paesi in cui leggi come il ddl Zan già vigono, – spiegano i promotori- il costituzionalista Filippo Vari ha dettagliato ineludibili contrasti, specie degli artt. 1, 2, 4 e 7, con la Costituzione e in particolare con gli artt. 21, 25, 9, 33, 30 e 7 della carta fondante la Repubblica”. “Il Senato – concludono- è pertanto chiamato a non voltarsi dall’altra parte, ad ascoltare l’univocità delle tante voci che salgono dalla società e dalla cultura, giuridica e non, del Paese. E’ chiamato a salvare davvero la laicità dello Stato da una invasione etico-antropologica che il ddl Zan vorrebbe introdurre con l’imposizione di una legge ideologica, che non ha nessi con la lotta all’omofobia. Per questo abbiamo inviato a tutti i senatori una lettera con SETTE punti sui quali chiediamo a ogni membro della Camera alta di rappresentare per davvero la nazione, come chiede l’art. 67 della Costituzione”.“Per questo – aggiungono infine- chiediamo un incontro urgente con i capigruppo del Senato della Repubblica”.

I promotori:

Alleanza Cattolica, Ass. Amici di Lazzaro, Ass. Articolo 26, Ass. Cuore Azzurro, Ass. Cerchiamo il Tuo volto, Collatio.it, Ass. Convergenza Cristiana, Ass. Costruire Insieme, Ass. Culturale Zammeru Masil, Ass. Difendere la vita con Maria, Ass. Donum Vitae, Ass. Esserci, Ass. Etica & Democrazia, Ass. FamigliaSI, Ass. Family Day- Difendiamo I Nostri Figli, Ass. Il Crocevia, Aippc – Ass. Italiana Psicologi e Psichiatri Cattolici, Ass. L’albero, Ass. Liberi e Forti, Associazioni Medici Cattolici Italiani, Ass. Nuova Generazione, Ass. naz. Pier Giorgio Frassati, Ass. Nonni 2.0, Ass. Non si tocca la famiglia, Ass. Politicainsieme, Ass. Progetto culturale, Ass. Proposte per Roma, Ass. Pro Vita & Famiglia, Ass. Generazione Famiglia, Ass. Radici, Ass. Rete Popolare, Ass. Risveglio, Ass. Umanitaria Padana, Ass. Vita Nuova – Rete Italia Insieme, Ass. Vivere Salendo, Associazione volontariato Opera Baldo, Avvocatura In Missione, Associazione Nazionale Autonoma Professionisti (A.N.A.P.S.), Ass. Vita Consacrata per la Lombardia (AVCL), A.Ge. LAZIO, Blog di Sanina Paciolla – Centro Nazionale Economi di Comunità (C.N.E.C.), Centro Italiano di Promozione e di Assistenza per la Famiglia, Centro internazionale Giovanni Paolo II e per il magistero sociale della Chiesa, Centro Studi Livatino, Circoli insieme, Comitato SALE per la dottrina sociale, Civiltà dell’Amore, Commissario Lazio Accademia di storia dell’arte sanitaria, Comunità Papa Giovanni XXIII, Confederazione internazionale del clero, Conferenza Italiana Superiori Maggiori (C.I.S.M.), CulturaCattolica.it, Fondazione De Gasperi, Fondazione Fiorentino Sullo, Forum Cultura Pace e Vita Ets, Forum delle Associazioni sociosanitarie, Giuristi per la Vita, Il Popolo della Famiglia, International Family News, G.R.U. – Gruppi di resistenza umana, La Casa dei Diritti, Movimento Cristiano Lavoratori – MCL, Movimento Per: Politica, Etica, Responsabilità, Movimento per la Vita, Movimento Regina dell’amore, Osservatorio di bioetica di Siena, Osservatorio parlamentare “Vera lex?”, Osservatorio per l’Educazione di Cesena, Presidenza Comitato scientifico Fondazione Fiorentino Sullo, Presidenza Comitato scientifico UCID, Presidenza onoraria Società italiana di bioetica e comitati etici, Rete Liberi di educare, Scuola di Cultura Cattolica, Steadfast. (network Polis pro Persona)

Categories: Gender

0 Comments

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.